Referenze 2018-08-25T12:17:28+00:00

Referenze

PRINCIPALI CLIENTI

AO SS ANTONIO E BIAGIO E CESARE ARRIGO – ALESSANDRIA
AOU S. MARIA DELLA MISERICORDIA – UDINE
APSS – TRENTO
ASL ALESSANDRIA
ASST DEI SETTE LAGHI
ATM
CEFPAS REGIONE SICILIANA
CSI PIEMONTE
DIGICAMERE
POLIS LOMBARDIA
REGIONE PIEMONTE
ULSS 9 TREVISO

PRINCIPALI PROGETTI

• Percorso di formazione-azione “La Gestione degli Obiettivi complessi e di Rete”: impostazione ed implementazione del progetto “Disegno e Realizzazione della nuova Rete chirurgica” utilizzando tra gli altri metodi formativi un approccio di Lean Management e di team coaching. Indirizzato a tutte le figure manageriali e non coinvolte ai diversi livelli nel progetto specifico.

• Percorsi di formazione-azione “La gestione degli obiettivi critici del piano aziendale annuale”: impostazione ed implementazione di una serie di progetti, utilizzando tra gli altri metodi formativi un approccio di Lean Management e di team coaching. Ad esempio, in ambito ospedaliero, “Recupero di capacità chirurgica” – “Sviluppo chirurgia ambulatoriale” – “Miglioramento standard di appropriatezza interventi-ricoveri” – “Redistribuzione hub-stoke degli interventi di chirurgia di base” – “Recupero mobilità passiva” – Riduzione liste di attesa” – “Ottimizzazione del trauma center” – “Ottimizzazione osservazione breve” – “Ottimizzazione terapia semi-intensiva” – “Revisione delle dotazioni di posti letto e aree di degenza omogenee”. Indirizzato a tutte le figure manageriali e non coinvolte ai diversi livelli nel progetto specifico.

• Percorsi di formazione-azione “La gestione del miglioramento nella propria organizzazione”: impostazione ed implementazione di una serie di progetti specifici di UU.OO., utilizzando tra gli altri metodi formativi un approccio di Lean Management e di team coaching. Ad esempio: “Ottimizzazione spesa 118” – “Attuazione del Progetto TAVI” – “Implementazione PUA in Psichiatria” – “Organizzativa evolutiva dei Servizi Veterinari” – “Attivazione del percorso UVM nelle cure primarie” – “Ottimizzazione consumi in Anestesia-Rianimazione” – “Attivazione dell’Area Funzionale Omogenea in Ostetricia e Ginecologia” – “Implementazione di un PDTA in Oncologia” – “Ottimizzazione Pronto Soccorso”. Indirizzato ai responsabili di U.O. con la partecipazione dei responsabili di Strutture semplici e dei coordinatori infermieristici coinvolti nei singoli progetti.
• Percorso formativo “Auto-efficacia e gestione di sé”, indirizzato a figure di coordinatori ed operatori (infermieristici, tecnici, di staff) ed articolato in 3 moduli: “Sentirsi efficaci” – “Gestione delle relazioni interne ed esterne” – “Gestione del tempo e dello stress”; un percorso di consapevolezza e rinforzo sui temi dalla gestione del proprio carico di lavoro, del tempo, dello stress, della sicurezza personale, dello sviluppo personale.

• Programma formativo “integrato” per Primari e Coordinatori a seguito di un processo di auto-valutazione delle competenze manageriali chiave di ruolo, articolato in 7 corsi: per i Primari “Realizzare strategie efficaci nella propria U.O.”, “Far crescere la squadra nella mia U.O.”; per i Coordinatori “Migliorare i processi e la qualità dell’assistenza”, “Costruire un team performante”, “Ottenere il meglio dai collaboratori”, “Senso dell’auto-efficacia”, “Gestione del tempo e dello stress”.

• Progetto di formazione-azione dei Direttori Generali delle Aziende Sanitarie regionali su “Le aspettative, i ruoli e le responsabilità nel nuovo sistema sanitario regionale”: Identificazione delle responsabilità/attività prioritarie del proprio ruolo; Descrizione /dettaglio delle responsabilità e aspettative verso altri ruoli istituzionali; Individuazione principali capacità del ruolo e dei potenziali gap; Mappatura dei punti aperti su cui agire per l’implementazione del nuovo sistema sanitario regionale.

• Progetto di formazione di Direttori Generali e Direttori di Struttura Complessa regionali su “Reti e percorsi del prendersi cura: connessioni e nodi nel nuovo sistema sanitario regionale”: Identificazioni dei principali obiettivi di salute su cui lavorare; Definizione di attori/ruoli/obiettivi specifici/difficoltà; Definizione principali indicatori di funzionamento (di processo, di esito, di costo); Definizione Piano di Azione.

• Progetto di formazione per i Referenti della Comunicazione interna ed esterna su “Definizione del Piano di Azione per adeguare il sistema di comunicazione e relazione via web con gli utenti, alla luce del nuovo sistema sanitario nazionale”: Mappatura dei contenuti informativi prioritari; Analisi delle buone pratiche e delle esigenze specifiche territoriali; Definizione dei punti di contatto, obiettivi di comunicazione e linee di indirizzo comuni e condivisi.

• Corso di formazione manageriale per Direttori Generali e per Direttori Sanitari e Amministrativi delle Aziende sanitarie regionali su “Change management”: Impostazione, sviluppo ed implementazione di progetti di cambiamento nella propria azienda/struttura.

• Corso di formazione manageriale per Direttori Generali e per Direttori Sanitari e Amministrativi delle Aziende sanitarie regionali su “Sviluppo della leadership nel cambiamento”: Le competenze chiave ed i comportamenti di successo; La comunicazione e l’implementazione dei progetti di cambiamento; La creazione della fiducia e del consenso, il governo di sé, la negoziazione, la comunicazione ed il coinvolgimento degli altri.

• Progetto di formazione-azione per il miglioramento della customer satisfaction di utenti, pazienti, famigliari. Mappatura dei servizi erogati e delle caratteristiche dell’utenza e del territorio. Creazione ad hoc di strumenti oggettivi di rilevazione quantitativa del livello di Customer Satisfaction. Raccolta ed analisi di feedback e indicazioni di miglioramento specifiche da parte degli stakeholders, attraverso Circoli di Ascolto Organizzativo. Realizzazione di laboratori di miglioramento basati su metodologie innovative ed esperienziali e con un elevato livello di coinvolgimento (teatro di impresa, ecc.). Creazione di un centro di ascolto come terminale di rilevazione di bisogni interni ed esterni. Costituzione di un Comitato Tecnico di presidio della Customer Satisfaction (“navigation team”).

• Percorso formativo “Integrazione organizzativa in una logica di team building e team working” volto a stimolare la presa in carico del cambiamento in atto sia dal punto di vista della propria area di competenza sia in una logica complessiva di squadra

• Percorsi di team coaching per diverse figure di coordinamento e middle management (team funzionali ed interfunzionali), aventi come base “la gestione di situazioni e collaboratori difficili”

• Percorsi di formazione comportamentale e manageriale (corsi a catalogo e formazione obiettivo per dipendenti regionali)

• Programma formativo “integrato” (“Scuola manageriale-comportamentale”) per Direttori di Dipartimento, Primari e Coordinatori a seguito di un processo di auto-valutazione delle competenze manageriali chiave di ruolo, articolato in 8 corsi: per i Direttori “Contribuire alle politiche e alle strategie dell’Azienda”, “Sviluppare le relazioni e gestire la comunicazione e l’informazione”, “Gestire se stesso come Direttore di DPT/SOC”, “Promuovere l’innovazione e il miglioramento continuo del DPT ottimizzando le opportunità di integrazione clinico-universitarie”, “Promuovere lo sviluppo, la motivazione e l’integrazione delle risorse umane del DPT”; per i Coordinatori “Gestire se stessi: il senso di auto-efficacia”, “Gestire le performance ed il miglioramento continuo”, “Creare una cultura di squadra”.

• Percorsi di formazione-azione “La gestione del miglioramento dei processi e della qualità dell’assistenza”: impostazione ed implementazione di una serie di progetti di miglioramento operativo e di qualità, specifici di UU.OO., utilizzando tra gli altri metodi formativi un approccio di Lean Management e di team coaching. Ad esempio: “Migliorare la pianificazione dei ricoveri e la gestione dei posti letto” – “Migliorare l’adesione dell’utente ai Piani Terapeutici Domiciliari” – “Riduzione errori nei servizi di laboratorio” – “Riduzione delle dimissioni inadeguate” – “Ridurre a zero le denunce di smarrimento degli effetti personali” – Attivazione del percorso UVM nelle cure primarie” – “Ottimizzazione consumi in Anestesia-Rianimazione” – “Attivazione dell’Area Funzionale Omogenea in Ostetricia e Ginecologia” – “Implementazione di un PDTA in Oncologia” – “Ottimizzazione Pronto Soccorso”. Indirizzato ai responsabili di U.O. con la partecipazione dei responsabili di Strutture semplici e dei coordinatori infermieristici coinvolti nei singoli progetti.

• Percorso di formazione-intervento sul campo per Gruppi di Lavoro integrati di Dipartimento “La definizione degli obiettivi e del Piano di Azione Dipartimentale annuale”, utilizzando un approccio di Lean Management e di team coaching. Con il coinvolgimento di: Direttore di DPT, Direttori di SOC, Responsabili Amministrativi ed Infermieristici di Dipartimento, Coordinatori infermieristici e tecnici.

• Programma formativo per l’introduzione del nuovo sistema di analisi e valutazione delle prestazioni: formazione e supporto a tutti i valutatori e piano di comunicazione sul nuovo sistema a tutti i valutati.

• Percorso formativo per counsellor interni, a supporto dei percorsi di sviluppo delle competenze delle risorse interne.

• Percorso formativo per la definizione dei profili di ruoli e delle competenze dei ruoli manageriali e di coordinamento nelle aree amministrative. Supporto al processo di auto-valutazione delle competenze e di costruzione del piano di sviluppo e formazione a fronte dei gap prioritari individuati.

• Percorso formativo per la definizione dei profili di ruoli e delle competenze dei ruoli manageriali e di coordinamento nelle aree cliniche. Supporto al processo di auto-valutazione delle competenze e di costruzione del piano di sviluppo e formazione a fronte dei gap prioritari individuati.

• Percorso formativo per la definizione dei profili di ruoli e delle competenze del ruolo di Direttore di Dipartimento, a fronte di un significativo processo di cambiamento organizzativo e strutturale. Supporto al processo di auto-valutazione delle competenze e di costruzione del piano di sviluppo e formazione a fronte dei gap prioritari individuati.

• Progetto di evoluzione e miglioramento delle pratiche di gestione e sviluppo delle Risorse Umane: ridefinizione mission, struttura, politiche, processi, metodologie e strumenti, sistemi informativi. Supporto per la definizione delle specifiche funzionali del sistema informativo RU e nella fase di implementazione dello stesso. Pianificazione ed implementazione del piano di cambiamento pluriennale e delle attività di coinvolgimento e comunicazione.

• Progetto formativo di promozione delle logiche di organizzazione integrata dei servizi di supporto alle strutture sanitarie di linea, con particolare riferimento all’organizzazione per processi, finalizzato a dotare i soggetti in esso coinvolti di strumenti idonei a realizzare un progetto di analisi dei processi e sistemi di gestione e sviluppo delle Risorse Umane, per poterne definire le linee evolutive di breve e di medio termine.

• Progetto “Definizione di un modello di gestione delle competenze per i professionisti sanitari dell’azienda”: definizione dei profili di ruolo rivolti agli ambiti dirigenziali e di coordinamento delle professioni sanitarie, dirigenti e coordinatori e la stesura delle job description per i diversi ruoli “professional”.